18 novembre 2003

Quei chiacchieroni della RAI

Quei chiacchieroni della RAI

Volevo seguire i funerali dei caduti di Nassirya, ma ho dovuto spegnere la televisione per l'irritazione. Come già in passato, la RAI ha dato il peggio di sè. I commentatori di queste dirette televisisve, anzichè accompagnare le immagini con brevi commenti didascalici, si sovrappongono a tutto - filmati, musica, rumori di sottofondo - con un continuo, inarrestabile chiacchiericcio. Commenti sciocchi, banali, spesso sgrammaticati (David Sassoli: "La cosa che più ci ha colpito a noi"... sigh!), un parlare continuo senza dir nulla e senza aver nulla da dire. Malati di protagonismo che arrivano spesso a farsi inquadrare in primo piano, lasciando le immagini sullo sfondo.
Appena appena più decoroso il commento di canale 5.

Davvero, mai come oggi la RAI si è dimostrata inadeguata alla solennità del momento, che avrebbe richiesto sobrietà, riflessione, silenzio e meditazione.
Ma se questi telegiornalisti hanno tanto da parlare, perchè non passano alla radio?

Intervento sul Forum di Aldo Grasso, Corriere della Sera
Un lettore mi dà ragione