25 settembre 2004

E meno male che son verdi!

È davvero consolante sapere che Roma è governata da un’amministrazione di sinistra, e che per otto anni ha avuto anche un Sindaco “verde”. Ebbene, è in giro un progetto per un parcheggio da scavare sotto i Lungotevere, togliendo via tutti i platani. I platani stanno già sparendo da Via Nomentana, sostituiti da ben più moderni cartelloni pubblicitari (come quello che adorna il muro di Villa Mirafiori). Inoltre sono stati tagliati i pini di Viale di Villa Massimo, e i cipressi di Viale di Villa Ricotti, quelli che originariamente fiancheggiavano il viale d’accesso della villa da cui la strada prende il nome. Erano malati, dice l’amministrazione. Bella idea, ammazzare i malati! Al posto dei cipressi e dei pini si piantano lecci, alberi scuri, brutti, ma resistenti a tutto. Così in pochi anni queste strade diventeranno una torva foresta dove la notte non si vede a un palmo di naso.

21 settembre 2004

Quella rotonda sul mare

In Francia le rotatorie hanno risolto numerosi problemi di circolazione e aumentato la sicurezza stradale. Qui in Italia, timidamente si comincia, ma... All'inizio dell'estate la Provincia di Roma annuncia la costruzione di una rotatoria su Via di Pratica di Mare, sulla strada per la spiaggia di Capocotta. I lavori dovevano andare avanti giorno e notte, per risparmiare tempo. L’estate è finita e la rotonda sta ancora a metà, nemmeno la segnaletica hanno dipinto. E questo è il paese che dovrebbe costruire il ponte sullo Stretto di Messina? Poveri noi...

13 settembre 2004

è quel che è, dice l'amore



E' assurdo
dice la ragione
E' quel che è
dice l'amore
E' infelicità
dice il calcolo
Non è altro che dolore
dice la paura
E' vano
dice il giudizio
E' quel che è
dice l'amore
E' ridicolo
dice l'orgoglio
E' avventato
dice la prudenza
E' impossibile
dice l'esperienza
E' quel che è
dice l'amore

Mitoraj, lo scultore senza volto


La grande mostra di Igor Mitoraj ai mercati di Trajano a Roma è una preziosa occasione di osservare in un contesto 'consono' uno dei maggiori scultori contemporanei. Mitoraj è un neoclassico fuori tempo massimo, le sue sculture perfette e vuote, spezzate come ruderi, scavate, stanno benissimo tra i marmi dell'antica Roma, rovine finte tra quelle vere.

Ma già nella cornice verde di Piazza Monte Grappa, all'imbocco del viale Mazzini, il confronto con il vicino Cavallo Morente di Francesco Messina, davanti alla RAI, così drammaticamene vivo e pulsante, è impietoso. Il nitore alessandrino di Mitoraj lascia insoddisfatti: non c'è vigore, non c'è allegria, non c'è vita, nè sudore, nè puzzo. I suoi belloni, a volte senza testa, a volte bendati, sempre dormienti o ipnotizzati, dopo un po' fanno venir voglia dell'opulenza cellulitica e vitalistica di un Botero. Le sue opere - invero di eccezionale e squisita fattura tecnica - contengono mirabili citazioni di una grande tradizione scultorea: gli egizi dai graniti neri, il Michelangelo della Pietà, il Perseo del Cellini, fino a Dalì e Duchamp. Così uno si chiede: e Mitoraj dov'è?


foto © Dario Quintavalle, 2004

08 settembre 2004

Time to have your say

Transport for London, l'autorità dei trasporti londinesi, distribuisce in questi giorni a tutti i residenti dell'area ovest di Londra una brochure illustrativa del nuovo West London Tram intitolata "Time to have your say, the Mayor of London wants to hear your wiews". Oltre che in Inglese, la documentazione è disponibile in Bengali, Gujarati, Turco, Braille, Cinese, Hindi, Urdu, Arabo, Greco, Punjabi, Vietnamita, tanto per ricordarci che Londra è davvero una società multietnica.
Aspetto e spero che il Sindaco di Roma chieda la mia opinione su una cosa qualunque, per esempio lo sciagurato assetto del trasporto pubblico su Via Nomentana.
Intanto prego notare che - dopo Parigi - anche la città che ha la più antica metropolitana del mondo ha riscoperto il tram. Più economico e più rapido da costruire. Noi invece, in eterna retroguardia, stiamo ancora aspettando il progetto della Linea C.

07 settembre 2004

La puzza sotto il naso

Caro Severgnini,
sul suo forum il giovane lettore Lorenzo Ferrario si duole (e lei condivide) che ci siano in giro troppi libri che non sono “vera letteratura”, e che la “vera” scrittura è ancora dominio di pochi. Trovo tale concetto equivoco. Lo scrivere non è diverso dal dipingere o dal fotografare o dal suonare, o dal fare sport. C'è chi arriva a livelli di eccellenza, altri si contentano solo di migliorare, e magari di tanto in tanto di produrre qualcosa di valido.
Se io non sono Cartier Bresson, non per questo non dovrei fotografare, se mi appassiona. I tanti mestieranti sono spesso un terreno di coltura, nel quale si sviluppano a volte i veri talenti. Una realizzazione che assurge all’eccellenza, in tutti i campi, non è quasi mai il frutto di un genio isolato, ma di un humus che produce molte voci, poche delle quali così forti da rimanere.
Forse lo scrivere non porta di per sè alla creazione di un'opera letteraria, ma non è nemmeno impossibile che lo faccia. Alla citazione di Milan Kundera, che "la donna che ogni giorno scrive all'amante quattro lettere non è una scrittrice, è una donna innamorata", si potrebbe ribattere che anche Anna Frank era solo una ragazzina che teneva un diario.
Quanto alle case editrici che pubblicano libri di cassetta, si dimentica forse che certi facili successi editoriali fanno bene ai loro conti, ed aiutano a tenere in catalogo anche classici meno letti. Altro che contendere il terreno alla “vera letteratura”. Curioso e contraddittorio che il bravo giovane polemizzi con i facili successi di mercato, ma poi si dolga del poco rilievo che assumono i lettori o comunque i fruitori esterni in certe operazioni. Al contrario! Il ruolo del pubblico è tanto più negletto quando l'artista ritiene di avere da dire qualcosa di talmente elevato che non gliene importa nulla di farsi capire. Veda certa musica colta contemporanea (Berio, Nono): autentico solipsismo.
Il vero scrittore si vedrebbe soprattutto dalla qualità di ciò che legge, come dice il suo lettore? Ricordo solo cosa mi disse al proposito Gabriel Garcia Marquez: che ai fini dell'apprendimento del mestiere, leggere cattiva poesia era tanto utile che leggerne di buona. Perché anche quella costituiva un esempio. Magari da non imitare.
Quando sento parlare di 'vera' letteratura, come di 'buona' musica, o peggio di “alta cultura” sento puzza di elitarismo. Non si comprende che il fenomeno artistico non è mai roba solo per addetti ai lavori, e diventa sterile se smarrisce un'anima popolare.
Caro Severgnini, sono un suo affezionato lettore. Non credo che i suoi libri saranno studiati nel XXII secolo accanto a Dante o Manzoni, ma dovremmo concludere per questo che le sue opere, non essendo “vera letteratura” non meritavano di essere stampate né lette?
Pubblicato sul Corriere della Sera online
http://www.corriere.it/solferino/severgnini/04-09-22/09.spm
Risposta del giovane Ferrario:
Ho letto con piacere e con interesse il suo intervento su Italians. Le sembrerà strano e contraddittorio, ma in parte concordo con lei. Infatti, nonostante un certo integralismo che forse emergeva dal mio scritto, sono ben lontano dal desiderare che la letteratura (e più in generale l'arte) diventi una cosa per pochi intimi. Ben vengano, come scrive lei, tutti quei "dilettanti" che scrivono senza essere Proust, dipingono senza essere Rubens e così via. Che siano però consci del loro essere dilettanti, del loro livello per così dire amatoriale, e che non si spaccino per ciò che non sono. Lei (come me, devo dire) prova piacere nel fare fotografie, ma nè lei nè io abbiamo mai allestito una mostra fotografica e ci siamo limitati al più a condividere i nostri "scatti artistici" con gli amici, i quali erano ben consapevoli di ciò che avevano sotto gli occhi. A mio parere il grosso problema di oggi è che il grande pubblico è così digiuno di "vera letteratura" da confondere i capolavori con della semplice paccottiglia. E se è vero che è sempre esistita una letteratura "popolare", questa si è sempre posta su un piano completamente altro rispetto alla "grande" letteratura. Lei ha ragione quando dice che devono essere salvaguardate entrambe (poichè la prima fa anche da serbatoio, da campo di prova per la seconda), io chiedo solo che restino divise, e non solo per futili elitarismi.
Resto in attesa, se crede, per proseguire l'interessante scambio di opinioni.
Cordiali Saluti
Lorenzo Ferrario
Controrisposta del sottoscritto:
Sì è vero, non ho mai allestito una mostra dei miei lavori (come fa a saperlo?). Ma non è stato per modestia. Semplicemente perché non mi interessava il giudizio degli altri. Non credo affatto che il mio sia un atteggiamento meritorio. Al contrario. Forse è assai più arrogante di chi espone in pubblico, e rischia una figuraccia. Come faccio, mi dica, a sapere se quello che ho fatto è valido o meno, se non mi confronto con un pubblico, più ampio di quello - naturalmente bendisposto - degli amici? Chi stabilisce, a priori, ciò che è valido o no? Al principio di ogni atto di comunicazione, c'è un segnale isolato, individuale, e piuttosto velleitario. Se nessuno lo raccoglie, cade nel vuoto, resta mera esternazione. Altrimenti diventa un legame che unisce. A volte, semplicemente, il messaggio non viene raccolto perché è troppo in anticipo coi tempi. Lei sostiene che un dilettante dovrebbe essere conscio di essere tale. Io le potrei contrapporre l'esempio di grandissimi che tutta la vita non furono mai abbastanza sicuri del loro genio, da Kafka a Van Gogh. Anna Frank morì senza avere una pallida idea di quello che il suo diario avrebbe significato per le generazioni successive. Leopardi e (mi sembra) Virgilio disposero addirittura che le loro opere venissero distrutte, dopo la loro morte.
Caro Ferrario, l'opera d'arte, una volta messa al mondo, vive una vita propria, indipendentemente da quella del suo autore. Potrei affermare che paradossalmente è l'opera che fa l'autore, e non viceversa: il signor Proust e il signor Rubens sono diventati a "Proust" e "Rubens" grazie alle loro opere. Non potevano certo saperlo prima se sarebbero diventati dei grandi.
Il valore di un'opera d'arte quindi non è dato dall'essere inserita a priori in certe categorie ('popolare' 'colta' etc.), ma dalla sua capacità di superare il tempo e lo spazio. Non esistono categorie predefinite, né l'arte vive in un empireo di addetti ai lavori che schizzinosamente stabiliscono a priori ciò che alto o ciò che è basso. Né purtroppo, il grande artista è garantito dal suo esser grande dal fare sconcezze che non sono alla sua altezza (nessuno rimpiange, di Gianlorenzo Bernini, due campaniletti eretti sul Pantheon che il sano popolo sghignazzante definì "recchie d'asino", meritoriamente demoliti nel 1890).
Certo, esistono i critici, le scuole, le accademie. Ma gli interessi che tutelano non sono sempre limpidi, gli esiti di certe recensioni sono a volte assai discutibili, persino comici (lei è troppo giovane per ricordare la burla dei falsi Modigliani: si faccia raccontare). L'unico verdetto certo lo dà la storia, e la perdurante capacità di un'opera di parlare alla mente e al cuore delle persone nel tempo e nello spazio.
La selezione è naturale, quindi non si angusti troppo se Cristina Parodi pubblica un libro. Né lei, né il grande pubblico - non tema - si montano la testa e pensano che sia nata una nuova stella della letteratura. Pensi piuttosto, e si rallegri, che chi entra in una libreria per comprare il galateo della signora, magari avrà voglia di comprare qualcos'altro, e magari anche di leggerlo. Stia tranquillo che chi ha una solida cultura ed è in grado di riconoscere un'opera d'arte non farà confusione. E, non dovendo dimostrare nulla a nessuno, potrà concedersi il puerile lusso - come nel mio caso oggi - di entrare da Feltrinelli per comprarsi un bel librone su Paperinik.
Cordialità
DQ

06 settembre 2004

Dubbi amletici....


Sometimes....

"Sometimes I lie awake at night, and I ask myself: 'Where have I gone wrong?'
Then a voice says to me, 'This is going to take more than one night.'" --
(Charles M. Schulz, Charlie Brown in Peanuts)

05 settembre 2004

L'Imperatore la Regina

Adriano La Regina è stato riconfermato Sovrintendente archeologico di Roma, carica che detiene da 28 anni e che manterrà, ormai, fino alla pensione. La sua longevità è il segno più evidente di quanto possa essere assai più incisiva, nella vita di una comunità, una Alta Amministrazione dotata di sufficienti poteri, alto profilo culturale e coscienza della propria missione, rispetto a una direzione politica che vive nel segno della precarietà e dell'inesperienza e impreparazione del suo personale.
Guardando a questi 28 anni, i risultati sono molti, e tuttavia l'impressione è quella di un generale che abbia aperto troppi fronti, senza riuscire a chiuderne uno solo. Così è stato terminato il restauro delle Colonne Imperiali, ampliato il Museo Archeologico Nazionale. Ma il parco dell'Appia Antica rimane tale solo sulla carta, i magazzini dei musei traboccano di nuovi ritrovamenti che non possono essere esposti, i risultati dei restauri sono precari, visto che l'inquinamento continua a corrodere i marmi all'aperto.
Il Sovrintendente è stato inviso a molti sindaci di diverso colore politico per aver imposto una normativa vincolistica che ha spesso rallentato se non fermato importanti lavori pubblici e progetti urbanistici, quali la metropolitana e lo SDO. E certamente va a suo merito l’aver salvaguardato molti beni culturali e ritrovamenti archeologici. Tuttavia rimane irrisolto il problema di un corretto rapporto tra Roma moderna e archeologia, che Adriano la Regina, come tutti i suoi predecessori, ha continuato a considerare principalmente nel segno dello scavo.
L’idea corrente che l’archeologia consista essenzialmente nella salvaguardia è smentita dall’osservazione di quanta parte del tessuto urbano è andata persa negli sventramenti e negli scavi dal 1907, anno della prima sistemazione della Passeggiata Archeologica con la legge Baccelli, fino ad oggi. Per riportare alla luce l’area archeologica centrale, fu demolito tutto il rione compreso tra la Piazza Venezia e il Colosseo. Sicché una città che era cresciuta stratificandosi sul suo passato, nascondendolo e proteggendolo - al punto da simboleggiare per Freud l’animo umano - oggi si presenta divisa in parti ben distinte, con un grande catino archeologico da una parte, popolato da mute testimonianze monumentali e depurato da ogni residenza e attività economica che non sia il turismo, e il centro rinascimentale dove invece la stratificazione tradizionale persiste in assoluta e felice simbiosi.
Poteva andare diversamente? Al di là dell’Adriatico, il centro di Spalato, cresciuto all’interno del Palazzo Imperiale di Diocleziano e oggi brulicante di vita, ci dice che un diverso rapporto tra passato e presente è possibile.
A Roma però si continuano a sprecare occasioni. I discussi lavori per la nuova Ara Pacis di Meyer ignorano il problema, già sollevato venti anni fa da Bruno Zevi, di una ricucitura del tessuto urbano nel luogo del più orrendo misfatto urbanistico fascista, la Piazza Augusto Imperatore. Provocatoriamente Zevi suggeriva di ricostruire l’auditorium di Roma proprio lì - nel Mausoleo imperiale impietosamente ridotto dal piccone di regime a “dente cariato” e poi circondato dalle vuote e sepolcrali scenografie di Ballio Morpurgo. Dov’era, se non com’era. Ma dubito che La Regina, troppo legato all’antica idea vincolistica, acconsentirebbe. Ove è stato necessario fare convivere antico e moderno, finora il rapporto si è risolto in fredda e rispettosa contiguità (si veda l’ennesimo catino archeologico a fianco dell’Auditorium di Renzo Piano), mai in continuità.
Ci vorrebbe forse più coraggio. Pensando a Spalato.