30 settembre 2006

A new Enténte Cordiale?

Julian Lindley French wrote a very interesting article on the International Herald Tribune of September 16, 2006, titled “Britain and France need to lead, together”.
His thesis is that “fifty years after Suez, Britain and French should forge a new partnership… founded on four principles of strategic leadership: the global West; a strategic Atlantic alliance; a robust EU; effective European homeland security… There are only two countries that can save Europe from the self-deluding isolationism into which it is tipping: Britain and France”.

The article matches many of my core paper’s ("Is there a West?") conclusions about the origin of the modern West being in the alliance between France and UK, the Enténte Cordiale. I totally agree with the sentence “The West is no longer a place but an idea built around democratic security governance”.

Still - while I do not understand what Lindley French means by a “Global West” (a sort of spontaneous club of democracies, or the export of western values, or what else) - I ask: by what means he thinks Uk and France could make for “a robust EU”?

In my humble opinion, the fact that both countries wish to maintain their status as superpowers, keeping two out of five seats in the Security Council, is not the best way to foster a stronger political EU.
Let’s face it: the only reason why those countries are still sitting in the Security Council is because many, many, years ago, they were the centre of large empires accounting for a big share of the world. On such basis, Italy too should have a seat, having been – in the past – the centre of a large empire.
But leadership has nothing to do with the past. It has to do with the future, with projects and visions. Do France and Britain have any? Hardly.
Would Britain and France reinforce Europe, they should generously give up their seats in favour of the whole European Union: than EU could become a global actor, and automatically be forced to take more responsibilities in the field of international security.
It is totally unrealistic, yes, but still, leadership calls for personal sacrifice.
Otherwise, why EU countries should accept their leadership? Things have changed since Nelson and Napoleon’s time, and small countries are not so ready to bow to the ‘greats’ anymore, as Chirac discovered to his expenses some years ago, when he said that EU newcomers lost a good occasion to keep their mouths closed.

France and Britain, instead of being the “two countries that can save Europe from the self-deluding isolationism into which it is tipping”, are the two that are doing the most to lead it to irrelevancy. Correctly, Lindley French reckons that present leadership in both countries is not up to the task. Is it likely that this is going to change in the future? We can hardly expect this: French voters didn’t prove more far-sighted than their governants while casting the black ballot at the European referendum.

I think this is no time for nostalgic thinking, but for brave projects.

I shared my wiews with Dr. Lindley French, and look forward to his reply.


Julian's reply:

Dear Dario,

sorry for the silence. I had to go to Australia. Tough job but someone had to do it.

My basic point in that article is that we need to re-connect European security with world security. Given comparable security investment and imcomparable strategic cultures in Europe only the UK and France together are in a position to lead by example. I am afraid, Germany, the key to ESDP is mired in its internal questions to be a leader and Italy has cut its defence equipment budget by 70% since 2003, which hardly signifies leadership intent.

Moreover, the security plans of the UK and France are bringing them closer. As for the UNSC permanent seats. With the 4th and 5th biggest economies and the 2nd and 3rd most capable militaries (not to mention their nuclear capabilities) the UK and France are still rightfully permanent members. If the UNSC was an Executive Committee of the UN then that would be a different matter because representation not power would be the defining factor. When the EU finally lives up to its potential, i.e. those states that say they will make it happen but do not do, then the situation will remain the same. It is really up to the likes of Italy, Germany, Spain and others to properly fulfil their pledges on HG2010 (which they are not) and shift the balance of security power within the EU through effort and performance.

Look what is happening in Afghanistan. When things really get dangerous who has to do the dirty work again - mainly the British. So, as far as London is concerned, less talk more action. Sadly the strategic concept is being replace by gthe national caveat for too many European countries. Put simply, the UK spent $50.9bn on defence last year, dwarfing that of Italy and Germany. He who pay and does says.

As usual with all these things it is a question of relative power and proven intent and we are awaiting the proof of the ambitions that many states say they are committed to but their actions suggest otherwise. The operation in Lebanon is a case in point being defined not by the mission that needs to be done but rather by the weaknesses of the force in position.

As for the global West. Talking to Australians, Canadians, New Zealanders, Indians and others it is evident that a) the West must stabilise the system it built; b) that the UK and France in particular share heritage, doctrine and military culture with many countries the world over who are seeking to be part of the stabilisation mission; c) that such a relationship puts stability before democracy. Talking to senior Chinese and Japanese officials they were very comfortable with this notion particularly as so much of our current security effort involves the struggle between power and terror. The Global West is thus open to all but I make no apologies that I believe when the West is on top the world is a safer place. Frankly, if we cannot find Europeans who are serious about this then we will look elsewhere. The genius of both Britain and France has been their respective abilities to leverage power in pursuit of their objectives. Europe, the EU and NATO remain priorities. However, they must deliver. One is reminded of that famous Nike commercial - "Just Do it!!!"

Take care and good luck with all the future plans and I hope that clarifies the article.

Off to London!

Best regards,

Julian



18 settembre 2006

Gli scansafatiche

Caro direttore, Pietro Ichino, dalle colonne del Corriere, ha rivolto ai sindacati dei lavoratori pubblici tre domande sul problema di come garantire efficienza nei pubblici uffici.

Penso di dover rispondere anch’io, a nome del mio sindacato. Cida-Unadis rappresenta i Dirigenti dello Stato, e aderisce ad una confederazione, la CIDA, che, riunendo dirigenti pubblici e privati, coniuga in sé la cultura amministrativa con quella privatistica.

Com’era prevedibile, il dibattito suscitato da Ichino è stato infarcito di tutti i luoghi comuni sul pubblico impiego, visto quale naturale refugium peccatorum di scansafatiche ed incapaci.

Non è così, naturalmente, ma non perderò neppure un minuto a negare che tipi del genere esistano effettivamente nell’amministrazione pubblica: fosse anche uno solo, è uno di troppo.

Il nostro paese, impegnato com’è in una competizione epocale con economie di dimensioni colossali, non può più permettersi di tollerare rendite di posizione e rami secchi, e deve fare appello a tutte le sue energie produttive. La pubblica amministrazione deve fare la sua parte, ed è un bene che si cominci a considerarla un settore produttivo, e non, come finora si è sempre fatto, un peso morto del quale non vale nemmeno la pena occuparsi.

Il problema dell’efficienza, dunque, riguarda anche noi dirigenti, in una triplice veste: come cittadini, come pubblici dipendenti, e come responsabili del governo degli uffici e del personale.

Diciamo subito che, già oggi, la retribuzione dei dirigenti pubblici è legata alle responsabilità dell’ufficio ricoperto e alla valutazione dei risultati conseguiti.
Il nostro sindacato ha contribuito a diffondere la cultura meritocratica del rapporto tra prodotto e retribuzione, combattendo qualunque ipotesi di distribuzione “a pioggia” delle indennità di risultato. E non solo a parole: Cida-Unadis, per esempio, si è opposta - inutilmente opposta - alla distribuzione a pioggia di un imponente premio di produttività (per maggiori entrate a vario titolo nelle casse dello Stato) ai dipendenti del ministero dell’Economia - una vicenda che Gian Antonio Stella ha raccontato sul Corriere del 29 dicembre del 2005 - ed ha presentato, alla magistratura del lavoro, ricorso per comportamento antisindacale nei confronti dei ministri Siniscalco e Tremonti, i quali, motu proprio, avevano destinato compensi maggiorati (+ 65%) indistintamente a tutti i dirigenti (e non dirigenti) di due dipartimenti del Ministero .

Quanto alla mobilità dei dirigenti, la legge Frattini l’ha strangolata, abolendo il Ruolo Unico dei Dirigenti. Noi, invece, con l’ultimo Ccnl abbiamo contribuito a introdurre un meccanismo che consenta il passaggio da una all’altra amministrazione e quindi un autentico mercato delle professionalità.
E si potrebbe continuare: chi volesse approfondire le nostre iniziative può trovare una completa documentazione sul nostro sito www.unadis.it.

Gli episodi citati dimostrano che, se la cultura della valutazione e del risultato è stata profondamente assimilata dalla dirigenza, così non può dirsi per il referente politico. Il perché è abbastanza chiaro: una cosa è elargire generose regalie, altro è impegnarsi in una rigorosa azione di definizione degli obbiettivi e verifica dei risultati. Una cosa è legare le carriere dei dirigenti ai meriti e ai risultati conseguiti, altro è avere mano libera per poter premiare la fedeltà politica. I dirigenti che finora hanno perso l’incarico, infatti, non sono certo stati rimossi in base a valutazioni meritocratiche, ma per il meccanismo spartitorio dello spoils system.

Stretto nella morsa collusiva tra politica e sindacati del personale, il dirigente, come datore di lavoro, si trova in una ben scomoda posizione: è valutato, ma non può valutare i suoi collaboratori. Riceve una retribuzione per i risultati che raggiunge, ma è privo di analoghi poteri di incentivazione economica nei confronti del suo personale .

Delle sanzioni disciplinari che possono essere inflitte al pubblico dipendente (nell’ordine: rimprovero, multa, sospensione dal servizio, licenziamento), il dirigente può irrogare autonomamente solo i rimproveri. Le altre sanzioni sono di competenza delle commissioni disciplinari paritetiche, le quali, per superiori esigenze di pace sociale con le organizzazioni sindacali, il più delle volte assolvono il lavoratore e mettono alla berlina il dirigente che ha promosso l’azione disciplinare.
Fatto ancora più paradossale, la Legge Frattini rimanda ai contratti collettivi la definizione delle sanzioni disciplinari e delle modalità per irrogarle. Tali contratti vengono negoziati tra la parte pubblica e i sindacati del personale non dirigente: noi non abbiamo alcun potere di intervenire nella contrattazione, nemmeno quando, come in questo caso, essi disciplinano poteri dirigenziali.

Ben venga, dunque, una revisione della normativa che metta in grado i dirigenti non solo di sanzionare gli impiegati, diciamo così, poco produttivi, ma anche di premiare e valorizzare, entro regole chiare e certe, le molte persone capaci e in gamba che pure ci sono e delle quali, chissà perché, non si parla mai.

Come formulata, però, la proposta Ichino ricorda molto le decimazioni in voga durante la prima guerra mondiale. Vogliamo allora ricordare che a vincere quella guerra non fu Cadorna, fautore delle punizioni esemplari, ma Diaz, che seppe motivare ufficiali e truppa e condurli alla vittoria?

Inviata al Corriere della Sera 13 settembre 2006

14 settembre 2006

Parlar difficile

... "Per la Cdp l'operazione sarebbe « teoricamente » a costo zero, poiché « un flusso di poste aggiuntivo per lo Stato, derivante dalla tassazione della plusvalenza generata in Telecom Italia, di circa 5- 7 miliardi, sarebbe tale da compensare l'investimento nell'equity della newco »"...
Questo pezzo di astruso industrialese viene da un piano finanziario per il riassetto della rete Telecom, citato integralmente, e senza spiegazioni di sorta sul Corriere della Sera di oggi.
Poi magari il Corriere farà ironie sui burocrati che parlano difficile, che dicono 'obliterare' invece di 'annullare'. Da qual pulpito...

"E sul riassetto Tronchetti da Padoa-Schioppa".
Sergio Rizzo, 14 settembre 2006

13 settembre 2006

Tra i due litiganti ...

È sorprendente quanto poco gli analisti di politica internazionale capiscano di psicologia e ne sappiano applicare gli schemi. Altrimenti potrebbero leggere nel confronto tra Islam e Occidente il risultato di una grande frustrazione sessuale collettiva, della voglia di mostrare la propria potenza e di svirilizzare l’avversario. Il ripetuto tentativo dei terroristi per distruggere i grattacieli delle Torri Gemelle, chiaro simbolo fallico, esprime un inconscio desiderio di castrazione dell’avversario. La Spada dell’Islam è un altro chiaro simbolo fallico. Quando essa si scontra con la Spada di Rolando, la Durlindana, il giovanile impeto dell’Islam si spegne e comincia invece l’alba della potenza occidentale. Il mujahed che si fa saltare in aria desidera un paradiso dove godrà del favore di 99 vergini. È un modo di ragionare primitivo e brutale, proprio di una società di madri castranti che trasmettono ai figli un sacro terrore per la libertà della donna. Ma davvero, nel confrontarci con una cultura così rozza, abbiamo saputo essere più raffinati?

Cosa fu l’11 settembre, all’atto pratico? Una strage orrenda ed efferata, d’accordo. Ma, militarmente parlando, fu un’azione del tutto irrilevante e nemmeno benissimo coordinata (per avere una maggiore efficacia, i dirottamenti avrebbero dovuto essere contemporanei), che ebbe come risultato l’abbattimento di quattro aerei di linea, la demolizione totale di due grandi palazzi, e quella parziale di un terzo, oltre alla morte, terribile, certo, di poco più di 6000 persone.
Era il caso di dichiarare una “guerra” per questo?
Gli è che il machismo islamico trovò sulla sua strada un altro machismo, quello texano di George W. Bush. La sfida di questi anni è una infantile competizione tra maschiacci celoduristi.

La vera, grande vittima, dell’11 settembre è la leadership americana sull’Occidente. Naturalmente gli americani hanno esercitato pesantemente il loro potere in questi ultimi cinque anni. Ma la leadership è tutta un’altra cosa: è chiarezza degli obbiettivi, è visione del futuro, è esercizio del potere in nome di principi obbliganti per tutti. È capacità di unificare.

Accettando la sfida dei terroristi, Bush li ha promossi a competitori alla pari. La sua stupida definizione di “Guerra al terrore” ne ha fatto dei belligeranti anziché dei criminali comuni.
Qualcuno ha potuto vedere nella brutta pagina dell’11 settembre l’avverarsi della profezia di Huntington sullo scontro di civiltà. Ma quale civiltà? Bastava vedere le eloquenti immagini del passaggio degli israeliani in Libano: da una parte del confine agrumeti e orti, subito al di là un triste deserto di pietre. La verità è che tutto il mondo arabo non conta assolutamente niente, non è competitivo proprio in nulla. Il PIL complessivo dei paesi arabi è inferiore a quello della Spagna, compresi i redditi del petrolio. Se non fosse per il petrolio, di quello che succede nel mondo arabo non meriterebbe occuparsi. Invece ci tocca, ma è una nostra scelta volere che sia così, per non aver sviluppato per tempo fonti energetiche alternative. Paghiamo il terrorismo alla pompa di benzina e diamo così ragione a Lenin che diceva che il capitalista avrebbe venduto la corda con cui essere impiccato.

La leadership americana è stata distratta dal vero problema di questi anni e di quelli a venire: l’ascesa della Cina.
Questo e solo questo è il vero incontro / confronto / e forse scontro di civiltà della nostra epoca. Sono finiti i cinquecento anni in cui l’Occidente bianco, cristiano, europeo ha dominato il mondo.

Un evento del genere avrebbe meritato la completa attenzione della massima potenza del pianeta. C’era, la Cina, nel programma elettorale di Bush: in fondo conosceva quel paese, suo padre vi era stato come ambasciatore degli USA, e poi veniva dal partito repubblicano che con Nixon ne aveva fatto un partner strategico. Ma poi si è messo a pensare ad altro, e, ahinoi, si è andato ad arenare tra le sabbie dell’Iraq e dell’Afghanistan.
Come si dice, tra i due litiganti, il terzo gode…

11 settembre 2006

Refugium Peccatorum

Dov’ero cinque anni fa, quando le Torri cadevano? Ricordo benissimo: nell’aula informatica della SSPA, a battere al computer la mia tesi finale del corso di formazione dirigenziale. Dieci giorni prima ero tornato mestamente in Italia, dopo una gloriosa esperienza di lavoro a Brussels. Cominciava una lunga traversata nel deserto, otto interminabili mesi ad aspettare i comodi della Scuola, poi della Funzione Pubblica, poi del ministero della Giustizia, prima di avere quel posto da dirigente che mi ero guadagnato con un corso-concorso tra i più selettivi mai fatti in Italia. Nessuno, in queste prestigiose istituzioni, aveva saputo preparare per tempo il nostro ingresso nella P.A. dopo 30 mesi di corso, lasciandoci così a vegetare inutilizzati.
Passano gli anni, e ancora non riesco ad identificarmi con la categoria del pubblico impiegato: e non ne ho nessuna intenzione. Detesto cordialmente questo mondo dove tutto va lemme lemme, dove il tempo non ha nessun valore, dove si complica ciò che è semplice. I soldi buttati si possono riguadagnare, ma il tempo è la vita, e quella chi te la restituisce?

Così quando Pietro Ichino, dalle pagine del Corriere della Sera, propone di licenziare gli impiegati nullafacenti, non posso che essere intimamente d’accordo. In quattro anni e passa di carriera (più l’anno del servizio militare), ne ho conosciuta di gente allucinante. Ma chi l’ha stabilito che il pubblico impiego debba essere il refugium peccatorum di tutti i falliti, scansafatiche, incapaci, pigri, lazzaroni, mangiapane a tradimento del nostro paese? Perché non potrebbe avere anch’esso il prestigio e lo status che ha in altri paesi? E allora liberiamoci davvero di questa miserevole zavorra, tagliamo i rami secchi. Questa gente fa ombra e impedisce di crescere a tante persone brave e capaci che pure nello Stato ci sono: già, perché l’altra faccia della medaglia è che lo Stato funziona, male forse, ma funziona, e qualcuno che lo fa funzionare ci dev’essere per forza. Non sono tutti scansafatiche.

All'atto pratico che può fare un dirigente contro i lazzaroni? Ben poco, ahimè, stretto com’è nella collusione di interessi tra la politica e la massa dei pubblici impiegati (ed elettori).
Il dirigente è valutato dai suoi superiori, ma non può a sua volta valutare i suoi dipendenti. Riceve una retribuzione per i risultati conseguiti, ma non può premiare i suoi collaboratori. Le sanzioni disciplinari sono un’arma spuntata: se ho un dipendente incapace o fannullone posso infliggergli autonomamente solo il “rimprovero verbale”, mentre per le altre sanzioni (multa, sospensione dal servizio, licenziamento) devo mandarlo alla commissione disciplinare.
Dirigere un ufficio pubblico, allora, significa sostanzialmente affidarsi a metodi empirici, molta carota e poco bastone, moral suasion e sapiente utilizzo di altri strumenti. Mica è facile comandare in un paese dove nessuno è più abituato ad obbedire, dove ognuno ritiene di essere un caso a parte e di meritare quindi un’eccezione.

Chiaro dunque che qualcuno chieda strumenti drastici.
La proposta Ichino, però, ricorda molto le decimazioni in voga durante la prima guerra mondiale. Vogliamo allora ricordare che a vincere quella guerra non fu Cadorna, fautore delle punizioni esemplari, ma Diaz, che seppe motivare la truppa e condurla alla vittoria?

09 settembre 2006

Noi viaggiamo per ritrovare noi stessi...

"Gli altri ambasciatori mi avvertono di carestie, di concussioni, di congiure, oppure mi segnalano miniere di turchesi nuovamente scoperte, prezzi vantaggiosi nelle pelli di martora, proposte di forniture di lame damascate. E tu? - chiese a Polo il Gran Khan. - Torni da paesi altrettanto lontani e tutto quello che sai dirmi sono i pensieri che vengono a chi prende il fresco la sera seduto sulla soglia di casa. A che ti serve, allora, tanto viaggiare? - È sera, siamo seduti sulla scalinata del tuo palazzo, spira un po' di vento, - rispose Marco Polo. - Qualsiasi paese le mie parole evochino intorno a te, lo vedrai da un osservatorio situato come il tuo, anche se al posto della reggia c'è un villaggio di palafitte e se la brezza porta l'odore d'un estuario fangoso. - Il mio sguardo è quello di chi sta assorto e medita, lo ammetto. Ma il tuo? Tu attraversi arcipelaghi, tundre, catene di montagne. Tanto varrebbe che non ti muovessi di qui. Il veneziano sapeva che quando Kublai se la prendeva con lui era per seguire meglio il filo d'un suo ragionamento; e che le sue risposte e obiezioni trovavano il loro posto in un discorso che già si svolgeva per conto suo, nella testa del Gran Khan. Ossia, tra loro era indifferente che quesiti e soluzioni fossero enunciati ad alta voce o che ognuno dei due continuasse a rimurginarli in silenzio. Difatti stavano muti, a occhi socchiusi, adagiati su cuscini, dondolando su amache, fumando lunghe pipe d'ambra. Marco Polo immaginava di rispondere (o Kublai immaginava la sua risposta) che piú si perdeva in quartieri sconosciuti di città lontane, piú capiva le altre città che aveva attraversato per giungere fin là, e ripercorreva le tappe dei suoi viaggi, e imparava a conoscere il porto da cui era salpato, e i luoghi familiari della sua giovinezza, e i dintorni di casa, e un campiello di Venezia dove correva da bambino. A questo punto Kublai Khan l'interrompeva o immaginava d'interromperlo, o Marco Polo immmaginava d'essere interrotto, con una domanda come: - Avanzi col capo voltato sempre all'indietro? - oppure: - Ciò che vedi è sempre alle tue spalle? - o meglio: - Il tuo viaggio si svolge solo nel passato? Tutto perché Marco Polo potesse spiegare o immaginare di spiegare o essere immaginato spiegare o riuscire finalmente a spiegare a se stesso che quello che lui cercava era sempre qualcosa davanti a sé, e anche se si trattava del passato era un passato che cambiava man mano egli avanzava nel suo viaggio, perché il passato del viaggiatore cambia a seconda dell'itinerario compiuto, non diciamo il passato prossimo cui ogni giorno che passa aggiunge un giorno, ma il passato piú remoto. Arrivando a ogni nuova città il viaggiatore ritrova un suo passato che non sapeva piú d'avere: l'estraneità di ciò che non sei piú o non possiedi piú t'aspetta al varco nei luoghi estranei e non posseduti. Marco entra in una città; vede qualcuno in una piazza vivere una vita o un istante che potevano essere suoi; al posto di quell'uomo ora avrebbe potuto esserci lui se si fosse fermato nel tempo tanto tempo prima, oppure se tanto tempo prima a un crocevia invece di prendere una strada avesse preso quella opposta e dopo un lungo giro fosse venuto a trovarsi al posto di quell'uomo in quella piazza. Ormai, da quel suo passato vero o ipotetico, lui è escluso; non può fermarsi; deve proseguire fino a un'altra città dove lo aspetta un altro suo passato, o qualcosa che forse era stato un suo possibile futuro e ora è il presente di qualcun altro. I futuri non realizzati sono solo rami del passato: rami secchi. - Viaggi per rivivere il tuo passato? - era a questo punto la domanda del Khan, che poteva anche essere formulata cosí: - Viaggi per ritrovare il tuo futuro? E la risposta di Marco: - L'altrove è uno specchio in negativo. Il viaggiatore riconosce il poco che è suo, scoprendo il molto che non ha avuto e non avrà. "

Italo Calvino, Le città invisibili

"Noi viaggiamo per cercare noi stessi. E quando ci saremo ritrovati, allora sì che saranno cavoli nostri"
Dario Quintavalle - Monaco di Baviera, 1994

07 settembre 2006

Il mio nuovo ufficio:

Primo giorno di lavoro come dirigente del mio nuovo ufficio, il Tribunale di Sorveglianza di Roma, tra il Palazzaccio e Castel S. Angelo. Fuori infuriano le polemiche sugli statali fannulloni, e sembra che da Monsù Travet ad oggi tutto sia rimasto uguale. Ma io ho voglia di fare e di cambiare. Mi guardo indietro, appena quattro anni, eppure quante esperienze interessanti: Brussel, Trieste, Frosinone, Ginevra. Sono diventato dirigente quasi per caso, rispondendo a un bando di concorso: e ho trovato un lavoro che mi sta come un guanto. E oggi comincia una nuova avventura.

06 settembre 2006

L'Italia salvata dalle russe

La diciassettenne Elizaveta Migatcheva, di Kazan, vicino Mosca partecipa alle finali di Miss Mondo a Varsavia come rappresentante .... dell'Italia. È un segno dei tempi, e una volta tanto, un buon segno. Miei amici sono sposati con donne russe e sono molto felici, padri di belle bambine che mescolano tratti mediterranei e grazia slava. Sia benedetta Santa madre Russia e tutte le sue figlie.

05 settembre 2006

Culle vuote, paese triste

Il crollo demografico italiano ha conquistato la prima pagina dell’International Herald Tribune. Siamo al tempo stesso, la cosa è risaputa, uno dei paesi dove si vive di più e dove si nasce di meno.
Come Anchise sulle spalle di Enea, un numero crescente di anziani pesa su un numero sempre minore di giovani. Quelli che Svevo chiamava gli “abietti longevi che appariscono quale un peso per la società” hanno ipotecato il futuro del nostro paese, si oppongono a qualunque riforma della previdenza e pretendono di vivere di rendita una parte sempre più lunga della loro esistenza.

Quali le soluzioni del problema? I demografi elaborano studi ed ipotesi. Beh, tanto per cominciare, potremmo liberarci proprio dei demografi. Le loro previsioni si sono rivelate clamorosamente sbagliate e nocive: quando, trent’anni fa, l’Italia era in pieno baby-boom, essi lanciarono l’allarme – sovrappopolazione. Si diffusero allora parole d’ordine come “crescita zero”, fu approvata una legge estremamente liberale sull’aborto, si impose un modello culturale sostanzialmente denigratorio nei confronti della donna impegnata nella famiglia, la “mamma italiana” declassata a simbolo dell’arretratezza culturale del nostro paese.
Risultato? Il boom è rapidamente diventato “sboom”, la tenuta del sistema previdenziale è affidata agli immigrati, i cortili, le scuole, i campi giochi sono tristemente vuoti.

Lasciamo perdere i demografi, anzi, possibilmente aboliamo questa perniciosa disciplina, e affidiamoci piuttosto a qualche analisi sul campo, assolutamente a-scientifica. Bene, dei miei amici, gli unici due ad essersi finora riprodotti, sono sposati con ragazze lettoni. Si tratta di donne che provengono da una cultura che non vede nella maternità un ripiego rispetto alla realizzazione sul lavoro, e che è fortemente orientata alla famiglia. Il confronto con la nostra cultura è significativamente stridente: quando Julja, a 22 anni è andata a partorire in un ospedale romano, le altre puerpere, tutte sui 35 – 40 anni la commiseravano: “Poverina, così giovane!”. Lei lo racconta ancora ridendo. In quel “poverina” c’è tutta la distorsione mentale alla base del problema demografico italiano. La natura ha stabilito che il periodo migliore per figliare è dai 14 ai 25 anni. Il nostro modello sociale ha spostato il primo, e spesso unico, parto oltre i 30, e talvolta, oltre i 40. Addirittura, si sperimentano tecniche per rendere la maternità accessibile anche alle sessantenni: dalle puerpere tardive alla puerpere tardone…

E se invece ammettessimo semplicemente che la natura ha ragione e noi torto? Che il modello sociale e culturale che è stato imposto al nostro paese sulla base di previsioni demografiche sciaguratamente errate, è sostanzialmente contro natura?
Sarebbe ora. Questo paese di culle vuote, di donne sterili e di vecchietti senza nipoti è tremendamente triste.